Cristo ci salva nella storia e non dalla storia: l’esempio di fra Barnaba Manassei

ciaurro_0Figlio di Cipriano e di una Francesca di cui non è noto il casato, nacque a Terni nel 1398 da una famiglia di una certa rilevanza in ambito locale. Non si hanno sue notizie fino alla sua entrata nell’Osservanza francescana avvenuta nel 1430. Nel 1438, in occasione del capitolo provinciale dell’Osservanza presieduto da Bernardino da Siena, fu da questo nominato guardiano della Porziuncola, incarico che resse fino al 1445, quando fu trasferito, in qualità di superiore, al convento perugino di S. Francesco al Monte (oggi Monteripido). Nel 1451 fu nominato vicario dell’Osservanza per la provincia umbra. Non si hanno altre notizie sulla sua attività in questi anni: la letteratura gli attribuisce buone doti oratorie e profonda dottrina, ma non ci sono, in merito, concrete testimonianze.

Nel corso della sua seconda vicaria fu istituito a Perugia il primo Monte di pietà, sorto nel 14eremocap362 per iniziativa di un altro importante esponente dell’Osservanza, Michele Carcano. In occasione della sua predicazione, tenutasi durante il periodo quaresimale, Carcano stigmatizzò il ricorso al prestito ebraico, regolato a Perugia, al pari della altre città italiane, da precisi accordi stipulati dalle pubbliche autorità con feneratori israeliti e sollecitò, di pari passo con la revoca di tali acc
ordi, la fondazione di un Monte di pegni cittadino destinato a prestiti di limitata entità [per rimediare alle rovinose usure che impoverivano le famiglie e i comuni].

Non è noto in quale momento al M. sia stato affidato l’eremo delle Carceri di S. Francesco del Subasio dove probabilmente svolse l’incarico di guardiano. Il M. morì in quel convento, secondo Mariano da Firenz20161202_105153e, il 17 febbr. 1474 (o forse il 17 febbr. 1477, come propone Iacobilli).

L’altare maggiore presenta un affresco della seconda metà del Quattrocento che raffigura una Deposizione simile a quella degli stemmi dei Monti di pietà: tale elemento iconografico si collega in modo diretto al M., sepo
lto nella cappella della Maddalena. Non è noto in quale momento al M. sia stato affidato l’eremo delle Carceri di S. Francesco del Subasio dove probabilmente svolse l’incarico di guardiano. Il M. morì in quel convento, secondo Mariano da Firenze, il 17 febbr. 1474 (o forse il 17 febbr. 1477, come propone Iacobilli).

Nel 1478 Francesca Baglioni, appartenente alla nota casata perugina, dispose un lascito di 20 fiorini d’oro per un’onorevole sepoltura del M. e nel 1484 affidò altri 20 fiorini.

 
20161202_105530

“Qui riposa Barnaba Manassei, dell’ordine dei frati minori, inventore e fondatore del Monte di pietà,
nell’eremo delle carceri trapassò piissimamente il 17 Febbraio 1477”.

estratto da:

http://www.treccani.it/enciclopedia/barnaba-manassei_(Dizionario-Biografico)/

Potrebbero Interessarti anche:

Condividi